LOADING

Il cucciolo – Adattamento e socializzazione

Probabilmente non state più nella pelle per ritirare il nuovo membro della famiglia presso l’allevatore scelto. Ed è arrivato finalmente il giorno, questa tenera matassa di pelo arriva a casa! Anche se il cucciolo si trova ora in un ambiente totalmente nuovo, la maggior parte dei cuccioli di cane reagiscono per lo più con calma e scoprono gradualmente e con curiosità tutto ciò che sta loro intorno. In particolare se l’allevatore li ha cresciuti con la famiglia e ha consentito loro contatti sufficienti con gli esseri umani e con gli stimoli dell’esterno.

Un periodo speciale

Quando ritirate il cucciolo, questo è in una fase di sviluppo molto importante, che inizia circa dalla terza settimana di vita e termina alla fine del quarto mese di vita –  si tratta della fase di socializzazione e con essa termina anche l’età di essere cuccioli. Durante questo periodo, il piccolo impara in particolare per il lungo termine. In natura questo periodo serve ai suoi parenti selvaggi per imparare a conoscere il loro membro maschio ed esercitare quindi la comunicazione e la vita insieme. Dall’altro lato, scoprono intensamente il loro spazio vitale e quindi si fanno un’idea del loro mondo. È importante per la loro sopravvivenza.

Per i cuccioli di cane è lo stesso. Impara a conoscere le sue persone di riferimento e determinate regole, inoltre deve prendere confidenza con il suo nuovo ambiente.  Quest’ultimo non è uguale in tutti i cani. Un “normale cane di famiglia” ha una vita diversa, rispetto ad un cane che vive per lo più in una fattoria, che lavora nel bosco o sui campi come cane da caccia o che è attivo sempre con il suo pastore e le sue pecore.

Affinché il vostro cucciolo si adatti al vostro e quindi al suo ambiente, è importante impiegare le prossime settimane per fargli conoscere bene questo ambiente.

I primi giorni

Non appena il cucciolo arriva nella sua nuova casa, lasciatelo prima di tutto ambientarsi con tranquillità. I primi giorni devono essere dedicati a conoscere la sua nuova famiglia e la sua nuova casa. Possono infatti aspettare le visite di amici e parenti, così le attività con il piccolo. Anche voi potete quindi imparare a conoscere con calma il piccolo nuovo membro peloso della famiglia. È indipendente o piuttosto fissato ai suoi padroni? Vuole esplorare la sua nuova casa con impazienza o si prende del tempo per farlo con cautela? Più confidenza avrete con lui, più facile sarà predisporre nuove impressioni in modo tale che al cucciolo non sia chiesto troppo.

Ora si parte

Non appena avete la sensazione che il più piccolo sia “ambientato”, allora è pronto per qualcosa di nuovo. Lo potete notare quando è rilassato nel suo nuovo ambiente, mangia bene e si lega soprattutto a voi. È una fase che dura circa 1 settimana.

Socializzazione con gli esseri umani

Ora è arrivato il momento di conoscere nuove persone. Ma non subito una folla, bensì singole persone o coppie.  Rispettate in questo la sensibilità del cucciolo. In base alla razza, alle esperienze finora avute o non avute presso l’allevatore oppure anche alla sua indole genetica, il cucciolo potrebbe essere entusiasta delle persone estranee, ma anche piuttosto disinteressato o addirittura cauto. Poiché dovrebbe avere solo esperienze positive collegate alle persone, è importante che il primo contatto si svolga con tranquillità. Ciò significa che la persona interessata si inginocchia all’altezza del cucciolo e lo attira a sé. Se arriva allegro scodinzolando, può naturalmente essere accarezzato. Un cucciolo disinteressato o cauto non dovrebbe essere costretto necessariamente ai contatti. Spesso basta semplicemente attendere e non guardare direttamente il cucciolo. Se vince la curiosità, allora questi cuccioli di cane si avvicinano spontaneamente.

Alcune cose non sono generalmente di beneficio per i cuccioli. Evitate che, ad es. dei bambini corrano verso il cucciolo con entusiasmo e rumorosamente. Inoltre, è spiacevole per i cani se ci si piega dall’alto e li si accarezza dall’alto.

Quanti contatti il cucciolo vuole avere al di fuori della famiglia è comprensibile dalla sua vita quotidiana. Ma assicuratevi che non venga preteso troppo da lui. Se ad esempio dei bambini arrivano in visita, possono giocare per un po’ con il cucciolo sotto la vostra sorveglianza, ma non saltare e gironzolare con lui per lungo tempo.

Socializzazione con l’ambiente

Come è la vostra vita quotidiana? Un “normale” cane di famiglia accompagna per lo più i suoi padroni in passeggiate, in città o in un locale. Affinché tutto ciò sia per lui completamente normale, dovete abituarlo a questo a piccoli gradi. Portatelo ad esempio nell’autobus e andate con lui in città. Là sedetevi alla terrazza di un bar e lasciate che l’ambiente circostante abbia effetto sul cucciolo.  Dopodiché tornate a casa. Per certe uscite il cucciolo non dovrebbe essere stanco, ma nemmeno scoppiare di energia. Scegliete un momento tranquillo e un posto silenzioso, ossia non proprio il momento di punta e possibilmente non un bar lungo la zona pedonale.

Oppure andate a mangiare una pizza con la famiglia.  Non dura così a lungo come un menù di cinque portate. Per il soggiorno in un locale il cucciolo dovrebbe essere un po’ stanco, in modo che possa accettare meglio il “non far niente”. Portate con voi la sua coperta, sedetevi in un angolo tranquillo e legate il cucciolo ad una gamba della sedia o del tavolo.

Le uscite con lunghi percorsi di camminata sono ancora vietate, perché le articolazioni e i legamenti del cucciolo non sono ancora sviluppati completamente per movimenti unilaterali. Ecco perché all’inizio bastano pochi minuti alla volta. Gradualmente la durata può allungarsi a mezz’ora, ad un’età di cinque-sei mesi.

Socializzazione con i simili

Il cucciolo potrebbe avere già esercitato il comportamento da adottare con i suoi simili già nella sua “famiglia canina”, ma anche successivamente i contatti con i propri simili sono ancora fondamentali. Infatti, i cani hanno un aspetto diverso l’uno dall’altro e così è pure il loro comportamento. Attraverso contatti mirati, il cucciolo può fare esperienze ed esercitare la comprensione da cane a cane.

Rispettate in questo il suo carattere. Un cucciolo di cane riservato o addirittura insicuro ha bisogno di singoli simili calmi ed amichevoli. Per un cagnolino più vivace, un simile affidabile, affabile e sicuro di sé è un partner adatto, in grado di frenare all’occorrenza il cucciolo.  Non lasciare giocare il vostro cucciolo con un cane più grande! Il confronto di forze è qui svantaggioso e, nel caso più sfortunato, il vostro cucciolo potrebbe ferirsi gravemente.

Volete incontrare un gruppo di cuccioli? È una buona idea, a patto che si rispettino alcuni punti. I cuccioli devono essere idonei l’uno all’altro per età e dimensioni. Inoltre nel gruppo dovrebbero esservi al massimo sei cuccioli. Anche in un gruppo di cuccioli è necessario fare attenzione che, ad esempio, dal cucciolo più ritroso non venga preteso troppo. Per lui, un cucciolo singolo più timido è all’inizio il compagno di gioco più adatto. È importante che nel gruppo non solo si giochi, ma ci sia in programma anche l’educazione iniziale.

La favola della protezione dei cuccioli

Molti pensano ancora oggi che i cani abbiano sempre un atteggiamento amichevole verso i cuccioli di simili fino ai sei mesi.  Ma non è così. In natura, i parenti selvatici del nostro cane si occupano sì intensamente della propria prole. I cuccioli di maschio estranei non hanno però la vita facile…

Il comportamento che ha un cane adulto nei confronti di un cucciolo estraneo dipende dal suo carattere individuale e dalle sue esperienze. Ecco perché ci sono sia animali a quattro zampe entusiasti dei cuccioli, sia certi che non sanno come trattarli o addirittura li detestano.

 

Tag:, ,